Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Genere Phalaenopsis

 

PhalaenopsisIl genere Phalaenopsis è un genere di orchidee a cui appartengono circa 50 specie diverse. Sono originarie dell'Asia e degli arcipelaghi situati nei bacini dell'oceano Indiano e Pacifico. 

Sono piante che in natura crescono sulla corteccia di altre piante. Per questo si dicono piante epifite.

 

Coltivazione

Le piante appartenenti a questa specie, si adattano bene alle temperature delle nostre case, anche se vengono coltivate in serre con temperature anche di 28°C.

Hanno bisogno di molta luce, ma non diretta. Per questo vanno sistemate davanti a finestre esposte a sud ma protette da una tenda. Per capire se la pianta è in una buona posizione, occorre osservare il colore delle foglie. Se diventano troppo chiare, vuol dire che sono sottoposte ad una luce troppo intensa. Se diventano scure, la pianta ha bisogno di più luce.

L'innaffiatura deve essere effettuata preferibilmente con acqua demineralizzata in quanto le radici sono molto sensibili agli eccessi di sali. Acnhe qui, per capire quando innaffiare occorre osservare il colore delle radici: infatti, esse passano dal verde acceso al grigio quando hanno bisogno di acqua. Sono assolutamente da evitare i ristagni di acqua nei sottovasi.

Queste orchidee non dovrebbero essere concimate d'inverno ma solo d'estate e raramente, diluendo le dosi consigliate sulle confezioni dei prodotti specifici. Il concime, deve essere somministrato dopo le innaffiature.

Le fioriture possono essere anche 2 all'anno. I florovivaisti inducono la fioritura apportando uno sbalzo di temperatura che passa dai 25°C (con irrigatura regolare) ai 15-18°C. Dopo la fioritura, lo stelo deve essere tagliato sotto l'ultimo nodo che precede il primo fiore o asportato del tutto.

 

Phalaenopsis Mini Mark 'Maria Theresa'

Riproduzione

Le phalaenopsis si riproducono in due modalità.

La prima, per semina, richiede tempi lunghi ed è molto complessa.

La seconda, invece, consiste nel dar luogo a nuovi getti lungo gli steli floreali in corrispondenza dei nodi o lungo il colletto. Tali piantine, una volta cresciute, possono essere separate dalla madre e invasate separatamente.

 

 

Ecco una lista delle varie specie 

<-- Torna all'elenco generale